Nicola Salerno

Nicola Salerno è uno sceneggiatore romano, cresciuto nel credo di Sergio Leone come unico dio e Quentin Tarantino come suo profeta.

Dopo il diploma, s’iscrive alla Facoltà di Arti e Scienze dello Spettacolo all’Università La Sapienza di Roma, inevitabile conseguenza di un’adolescenza passata a divorare spaghetti-western e film della New Hollywood. All’ombra della Minerva, tra un esame e l’altro, inizia anche a girare i primi cortometraggi coinvolgendo amici, parenti e animali domestici.

Dopo la laurea – con una tesi, manco a dirlo, su Quentin Tarantino – viene ammesso all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico e in seguito alla London Film Academy, dove viene temprato a dovere per sopportare tutte le difficoltà e gli stenti della vita del cinematografaro.

Nel corso degli anni si è cimentato in quasi tutti i ruoli del set cinematografico e dintorni. È stato runner (portatore di caffè), gaffer (schiavo muto del capo elettricista), assistant producer (braccio armato del produttore) e story editor (rappezzatore di sceneggiature sgrammaticate).

Una volta provata l’ebrezza di essere pagato per scrivere le sue storie neo-western e neo-noir, si è montato definitivamente la testa e ha deciso di dedicarsi unicamente alla scrittura per il cinema e la serialità televisiva.